enrico ruggeri

Enrico Ruggeri nasce a Milano il 5 giugno 1957.Nel 1973 fonda la band dei “Josafat” e debutta in concerto al Teatro San Fedele di Milano con un repertorio di classici del rock anni ’60. E’ invece il 1974 quando forma con l’amico Silvio Capeccia gli “Champagne molotov”: lo stile è quello del “rock decadente” alla David Bowie e Lou Reed. Nel 1977 il gruppo capeggiato dal giovane professore cambia configurazione a seguito dell’abbandono di Capeccia; l’anima musicale subisce l’influenza del punk-rock che sta esplodendo un po’ in tutta Europa: cambiano il nome in “Decibel”. Enrico abbandona l’università: la musica diventa la sua prima e più importante attività. Il 1979 vede la pubblicazione dell’album “Vivo da Re” registrato in quel Castello di Carimate. L’anno successivo Ruggeri trascina i Decibel sul palco del Festival di Sanremo con il brano “Contessa”: il successo è notevole. A seguito di un lungo periodo di incomprensioni, che procureranno noie anche dal punto di vista legale, le strade di Enrico Ruggeri e del suo complesso si separano definitivamente. Incontra Luigi Schiavone con il quale firmerà moltissimi pezzi, tra cui alcuni capolavori assoluti della musica leggera italiana: nell’agosto del 1980 registra il suo primo album da solista “Champagne Molotov”. Comincia ad affermarsi anche come autore con “Tenax” interpretata da Diana Est. Con la CGD incide i successivi dischi: “Polvere” è del 1983. Scrive “Il mare d’inverno”, che conoscerà un grande successo con Loredana Berté. L’edizione di Sanremo 1987 vede vittoriosa una delle più belle canzoni italiane di sempre: “Si può dare di più” firmata e interpretata dal trio Enrico Ruggeri, Gianni Morandi e Umberto Tozzi. Nella stessa edizione il premio della critica viene assegnato a “Quello che le donne non dicono”, scritta da Enrico e interpretata da Fiorella Mannoia: il pezzo sottolinea la grande sensibilità del cantautore milanese.  Il 1992 vede Ruggeri in prima fila fra i rockers italiani nel gremire stadi e Palasport con l’ultima tournée che lancia il bellissimo album “Peter Pan”: la melodia della title-track è semplicemente incantevole e il successo è enorme.  Nel 1993 Enrico Ruggeri compie l’impresa e vince per la seconda volta il Festival di Sanremo con “Mistero”, primo brano rock a trionfare nella città dei fiori. Il brano viene incluso ne “La giostra della memoria” album antologia che racchiude alcune perle della sua carriera. Nel particolare tour che segue Enrico affida la scaletta di ogni serata ad una ruota, cui sono apposti i titoli delle sue più belle canzoni. Nel 2004 Ruggeri prova un “ritorno agli albori”, un ripasso delle basi e delle proprie origini: esce l’album “Punk”, un progetto il cui ispiratore principale è il figlio adolescente Pico. Si tratta di un eccellente reprise di antichi lavori Ruggeriani incastonati in più che discrete reinterpretazioni di cover (David Bowie, Sex Pistols, Lou Reed, Clash, Ramones) cronologicamente congruenti al periodo.  Partecipa al Festival di Sanremo 2010 con il brano “La notte delle fate”, a cui segue un nuovo album dal titolo “La ruota”. Per l’edizione dello stesso anno del successo televisivo “X Factor”, Ruggeri viene scelto per entrare a far parte della giuria, insieme alla veterana Mara Maionchi e ai nuovi giurati Anna Tatangelo ed Elio (Stefano Belisari) di Elio e le Storie Tese. Nel 2017 pubblica la sua autobiografia dal titolo “Sono stato più cattivo”.

Per info & Booking

© 2018 JOE & JOE S.R.L. P.I. 10566271002